L’EMA conferma ancora: la popolazione era una cavia

AFFARI DOMESTICI

L’EMA conferma ancora: la popolazione era una cavia per i vaccini corona

Foto dell'avatar
 
L’EMA conferma ancora: la popolazione era una cavia per i vaccini corona

Foto: ANP

Diventa sempre più chiaro che l'”approvazione” dei vaccini anti-coronavirus ha ingannato la popolazione, man mano che vengono conosciuti sempre più fatti. Non c’è stata assolutamente alcuna approvazione del vaccino stesso, ma un’approvazione temporanea per la commercializzazione dei vaccini, e questo è qualcosa di completamente diverso. Tuttavia, i politici e i media mainstream hanno dato l’impressione che il vaccino stesso fosse stato approvato, ma non era affatto così.

Un buon ascoltatore avrebbe potuto “scoprire” in una fase iniziale che i vaccini avevano un certo odore. Ad esempio, già nella presentazione alla stampa di dicembre 2020 era stato riferito che non era noto se il vaccino proteggesse dalla trasmissione. Anche il Consiglio di Sanità era a conoscenza della situazione: nel suo rapporto finale del 24 dicembre 2020, il Consiglio di Sanità è chiaro (pagina 13): “L’efficacia non può essere determinata con i risultati degli studi clinici, ma sarà determinata dopo il introduzione di un programma di vaccinazione con follow-up di ricerca determinato nella popolazione.” In poche parole si dice che la popolazione viene usata come cavia per misurare l’efficacia del vaccino.

Ora questa verrà liquidata come una “teoria della cospirazione”, ma ascoltiamo solo Benjamin Netanyahu, Primo Ministro di Israele. Qui dice, senza battere ciglio, di aver avuto un “piccolo accordo” con il capo della Pfizer Albert Bourla: poiché Israele aveva mappato digitalmente lo stato medico del 95% dei suoi cittadini, era possibile monitorare perfettamente gli effetti dei vaccini sul cuore dei pazienti, sui pazienti diabetici, anziani, giovani e così via. L’accordo era che Israele avrebbe avuto per prima i vaccini e che Pfizer avrebbe ottenuto in cambio tutti i dati. Hai già letto un rapporto Pfizer? Noi no. Non sappiamo se anche il detto “sicuro ed efficace” sia un dato di fatto. Pfizer ha deciso  di non procedere oltre  per l’approvazione definitiva, quindi resta un esperimento con autorizzazione temporanea. Rassicurante, vero? Resta la domanda: perché la FDA ha voluto nascondere la segnalazione per 75 anni…?

Anche l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) è ora nel mirino della Commissione europea; Non solo gli obiettivi politici sembrano aver portato ad un’introduzione accelerata e l’EMA è stata messa sotto forte pressione da Ursula von der Leyen, ma anche i Paesi Bassi sono stati ingannati e manipolati . Nel processo di follow-up, l’EMA ora conferma anche in una lettera datata 22 dicembre 2023 che la popolazione è stata utilizzata come cavia:

Perché qual è la risposta dell’EMA alla domanda se la trasmissione del virus possa essere prevenuta dal vaccino? “Ciò può essere misurato solo in studi del ‘mondo reale’ con ampi gruppi di persone vaccinate, e questi non erano disponibili quando i vaccini furono inizialmente autorizzati.” In effetti, qualcuno che aveva approfondito la questione sapeva già nel dicembre 2020 che il gruppo non vaccinato degli studi era stato vaccinato. Ciò significava che il gruppo di controllo era già stato eliminato durante le prove. E per intenderci, parliamo di trasmissione del virus da parte delle persone vaccinate. In tutti gli altri ambiti, come ad esempio gli effetti del vaccino sui malati di cuore o di diabete, sugli anziani, sui giovani e così via, non si sapeva assolutamente nulla quando il vaccino è stato autorizzato per la commercializzazione da parte dell’EMA.

Forse conviene consultare nuovamente il Codice di Norimberga , sottoporre la popolazione ad un esperimento condotto da una casa farmaceutica sotto falsi pretesti (“lo fai per l’altro”) è davvero cibo per gli specialisti legali in questo campo, no?

Commento

  • Sentenza di Chieti: c’è spazio ed occasione per segnalare la responsabilità dei medici soprattutto coloro che hanno collaborato con la somministrazione. Eppure era chiaro anche da determina AIFA che necessitava di prescrizioni mediche RRL. Esposto per fare smettere entrata storia dei farmaci sperimentali presso ASL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Logo Fronte di Liberazione Nazionale con Nicola Franzoni

Partito Politico Registrato: Fronte di Liberazione Nazionale | Sigla Registrata : FLN | Simbolo Registrato

sede legale: viale Colombo 10 Marina di Carrara

partito@frontediliberazionenazionale.it


©2022 Fronte di Liberazione Nazionale