Articolo di Dugin sulla situazione geopolitica

GEOPOLITICA
Uccidere il Drago: il mondo è sull’orlo della guerra globale
22.01.2024
Alessandro Dugin

FONTE

La questione principale nel 2024 rimane lo stesso problema fondamentale di prima: il confronto tra due ondate: l’onda calante di un ordine mondiale unipolare con l’egemonia degli Stati Uniti e l’Occidente collettivo, e l’onda crescente di un mondo multipolare, incarnata nei BRICS-10.

Questo problema ora non si poneva, ma poiché l’Occidente, avendo acquisito in un momento storico l’apparenza di unico dominio planetario (dopo il crollo dell’URSS), si dimostrò incapace di attuare nella pratica la sua leadership, nuovi poli sovrani cominciarono ad affermarsi – Russia e Cina. Altri poli si stanno avvicinando: l’India, la civiltà islamica, l’Africa e l’America Latina. In totale, sette centri di potere, compreso l’Occidente. Sei di loro si sono uniti nei BRICS, iniziando a costruire un ordine multipolare.

L’Occidente continua ad aggrapparsi alla propria egemonia e ad attaccare gli oppositori più pericolosi al suo dominio: Russia, Cina e mondo islamico. Tutto ciò non è iniziato oggi, ma all’inizio degli anni 2000. Ma l’attuale contrasto sulla mappa politica del mondo è stato finalmente acquisito negli ultimi anni – soprattutto dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina. L’operazione divenne la prima guerra calda del mondo multipolare contro quello unipolare. Fino ad allora – soprattutto durante il primo mandato del presidente Trump e a causa dell’ascesa del populismo in Europa – sembrava che si potesse evitare uno scontro diretto, che l’Occidente avrebbe accettato pacificamente il multipolarismo, cercando di lottare per un posto degno nel mondo post-globalista. ordine. Questo è ciò che Trump intendeva con l’appello a drenare la palude globalista negli stessi Stati Uniti. Ma finora, la palude è riuscita a prosciugare lo stesso Trump e, durante l’amministrazione più paludosa del presidente Biden, a scatenare un sanguinoso conflitto in Ucraina, scagliando tutte le forze dell’Occidente collettivo contro la Russia, il polo più importante del mondo multipolare.

Il risultato principale del 2023 è stata l’interruzione della controffensiva ucraina da parte della Russia, che per i globalisti ha rappresentato un momento decisivo nel conflitto. Hanno fornito all’Ucraina un’assistenza completa, compreso un vasto armamento, significativi aiuti finanziari e sostanziali risorse politiche, informative e diplomatiche. Tuttavia, quando la Russia resistette con successo a questi sforzi e iniziò a prepararsi per la propria offensiva, divenne evidente che l’ampio sostegno dato al regime di Kiev era in definitiva inutile. Tuttavia, finché i globalisti saranno al potere negli Stati Uniti, intendono continuare la guerra. E, a quanto pare, non solo all’ultimo ucraino ma all’ultimo globalista.

Alla fine del 2023, però, si è aperto un secondo fronte nella guerra tra il mondo unipolare e quello multipolare. Questa volta, l’avanguardia dell’Occidente in Medio Oriente, lo Stato di Israele, in risposta all’invasione di Hamas, ha iniziato un genocidio sistematico della popolazione di Gaza, ignorando completamente qualsiasi cosa. Gli Stati Uniti e l’Occidente collettivo hanno sostenuto pienamente le azioni di Tel Aviv, tracciando così una nuova linea di frattura: l’Occidente contro la civiltà islamica.

I neoconservatori americani erano già entrati in questo ciclo all’inizio degli anni 2000, provocando l’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq, e poi sostenendo gli islamici radicali in Libia, Siria e così via. Ora, l’Occidente si è nuovamente confrontato con il mondo islamico, guidato dai palestinesi, dagli Houthi yemeniti, dagli Hezbollah libanesi e anche dall’Iran.

Inoltre, nell’Africa occidentale, è emersa un’altra piattaforma per la lotta anticoloniale contro l’unipolarismo e per il multipolarismo, un’alleanza dei paesi più determinati: Mali, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Gabon e Niger, dove una serie di paesi anti-coloniali -hanno avuto luogo colpi di stato globalisti. Quindi anche qui è emerso un nuovo fronte.

Alla fine, il Venezuela, guidato da Nicolas Maduro – che gli Stati Uniti hanno tentato di sostituire con il loro fantoccio Guaido, in una mossa che si è conclusa con un completo fallimento – è rimasto coinvolto in una disputa territoriale sulla contesa regione Guyana-Essequibo con la Guyana britannica, che viene percepita come come uno stato fantoccio filo-atlantico. E il presidente dell’Argentina, Javier Milei, nonostante abbia rifiutato di integrarsi nei BRICS, ha invitato l’Inghilterra a riconsiderare la questione delle Malvinas (Falkland). Così sta emergendo un altro fronte di lotta in America Latina.

Quindi ci siamo avvicinati al nuovo anno, il 2024. E qui tutte le tendenze sono continuate a un ritmo accelerato. La tensione per gli Usa in Medio Oriente cresce di giorno in giorno. La guerra in Ucraina continuerà senza dubbio, e ora l’iniziativa è dalla parte della Russia.

Inoltre, ci si dovrebbe aspettare un inasprimento del conflitto intorno a Taiwan, dove gli Stati Uniti hanno fatto passare il candidato anti-cinese Lai Qingde alle elezioni, un’ulteriore escalation in Medio Oriente, la continuazione delle rivoluzioni anticoloniali in Africa e un’escalation fino a diventare un conflitto fase calda di contraddizioni in America Latina.

Nello stesso Occidente, la crisi si sta intensificando a un ritmo accelerato. Negli Stati Uniti quest’anno ci sono le elezioni in cui i globalisti dovranno affrontare una potente ondata di repubblicani.

L’Unione Europea è in declino, e ancora una volta si solleva un’ondata di populisti anti-élite e anti-liberali – da sinistra e da destra. Ci sono persone di sinistra, come Sahra Wagenknecht e il suo nuovo partito. Il “Sahra Rosso” sta diventando il simbolo della sinistra antiliberale europea.

Tali persone di sinistra sono principalmente nemiche del capitale globale – a differenza della pseudo-sinistra, comprata direttamente da Soros, che sostiene principalmente LGBT, il nazismo ucraino, il genocidio di Gaza e l’immigrazione incontrollata, e lottano anche disperatamente contro l’influenza russa, Putin e la Russia come paese terzo. Totale.

C’è anche una componente di destra – decisamente martoriata, ma che in molti paesi europei rappresenta la seconda forza politica più importante. Ad esempio, Marine Le Pen in Francia. In Germania si rafforza l’Alternativa per la Germania (AfD). In Italia, nonostante la debolezza liberale del primo ministro Giorgia Meloni, la metà destra della società non è scomparsa. L’intero populismo di destra rimane com’era.

Ma c’è l’Occidente globalista, che cerca di presentarsi come l’intero “Occidente”, e ci sono anti-globalisti di destra e di sinistra, così come un enorme strato di cittadini occidentali comuni, che costituiscono la “maggioranza silenziosa”. Questo è molto importante: il cittadino europeo generalmente non capisce nulla di politica. Gli europei e gli americani comuni semplicemente non riescono a tenere il passo con le richieste di cambiare genere, castrare con la forza i loro figli piccoli, sposare capre, accogliere e nutrire ancora più migranti, mangiare scarafaggi, leggere preghiere a Greta Thunberg di notte e maledire i russi. Il cittadino comune occidentale, il piccolo borghese, è il principale sostegno del mondo multipolare. Egli è il nucleo del vero Occidente, non la sinistra parodia in cui è stato trasformato dalle élite liberali globaliste.

È molto probabile che nel 2024 tutte queste linee di frattura – guerre e rivoluzioni, conflitti e rivolte, ondate di attacchi terroristici e nuovi territori di genocidio – si trasformino in qualcosa di enorme. L’onda discendente del mondo unipolare sta già lasciando il posto a quella multipolare in ascesa. E questo è inevitabile.

Il drago del globalismo è ferito a morte. Ma si sa quanto sia pericolosa l’agonia di un drago ferito. L’élite globale dell’Occidente è pazza. Ci sono molte ragioni per credere che nel 2024 accadrà qualcosa di terribile. Siamo a debita distanza da una guerra mondiale globale. Su tutti i fronti. Se non può essere evitato, non resta altro che vincerlo.

Dobbiamo uccidere il drago per liberare l’umanità dai suoi malvagi incantesimi, e perfino l’Occidente stesso, che ne è la prima vittima.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Logo Fronte di Liberazione Nazionale con Nicola Franzoni

Partito Politico Registrato: Fronte di Liberazione Nazionale | Sigla Registrata : FLN | Simbolo Registrato

sede legale: viale Colombo 10 Marina di Carrara

partito@frontediliberazionenazionale.it


©2022 Fronte di Liberazione Nazionale